Lievitati

Brioche alla confettura con il burro bavarese Meggle

Non sono una consumatrice assidua di burro ma ci sono quelle ricette, come la brioche, legate indissolubilmente all’immagine familiare e fragrante del profumo di burro.

Occorre però fare attenzione, non tutti i burri sono uguali. Quando lo acquisto, faccio sempre grande attenzione alla scelta; ho imparato negli anni che il burro bavarese si distingue fra gli altri per la sua qualità superiore data dalla lavorazione tradizionale e dall’utilizzo di panna di altissima qualità.

Meggle, azienda dell’alta Baviera con una lunga storia familiare, può dirsi fiera del suo “Fiore Bavarese“, un burro cremoso che rispetta in tutto e per tutto i dettami della lavorazione tradizionale lenta e che vede l’impiego della prima panna ottenuta dal latte. Latte che, vi assicuro, non ha nulla a che vedere con la maggior parte dei prodotti che siamo abituati a consumare qui in Italia.

Proprio quest’estate sono stata in Baviera, luogo che amo e in cui ho lasciato un pezzo di cuore, e ho potuto assaggiare un latte dal sapore intenso, morbido e unico. I suoi prodotti derivati non possono che essere eccellenti!

Il Fiore Bavarese Meggle viene lavorato come una volta con la centrifuga, e la panna riposa per almeno 16 ore per dare il suo meglio. In questo modo si ottiene un burro cremoso, dal colore giallo acceso e dal sapore intenso, rotondo, molto piacevole.

Mantiene inoltre un buon profilo lipidico, ed è importante sapere che il consumo di un burro di alto livello, nelle giuste dosi e modalità, non va demonizzato.

Un burro come il Fiore Bavarese contribuisce inoltre alla realizzazione di ricette speciali grazie al suo sapore buono e avvolgente e alla consistenza cremosa, che rende più semplice la lavorazione di un impasto. Un dolce lievitato come questa buonissima brioche ha quindi bisogno di un ottimo burro, elemento che diventa protagonista regalando fragranza e profumo al prodotto finale.

burro

Ingredienti:

100 g di farina Manitoba

400 g di farina di tipo 1

60 g di zucchero di canna chiaro

10 g di lievito di birra

150 ml di latte intero

2 uova

60 g di Fiore Bavarese Meggle

la scorza di un limone

una stecca di vaniglia

90 g di cranberries

un vasetto di marmellata o confettura a piacere (per me confettura ai frutti di bosco)

Sciogliete il lievito di birra nel latte tiepido. Versate nella planetaria le due farine setacciate, lo zucchero e unite il latte.

Azionate la macchina a velocità minima per qualche minuto, aggiungete poi le uova leggermente sbattute ed infine il burro a pezzetti. Aggiungete un pezzetto alla volta e aspettate che ognuno sia ben assorbito prima di incorporare il successivo.

Fate lavorare la planetaria per circa dieci minuti, fino a quando tutto l’impasto si staccherà dalle pareti della ciotola e sarà perfettamente incordato. Unite ora i cranberries e fateli incorporare perfettamente all’impasto della brioche. Toglietelo dalla ciotola, lavoratelo leggermente formando una palla che riporrete a lievitare coperto dalla pellicola in un posto tiepido come il forno spento.

Trascorse circa tre ore, l’impasto avrà raddoppiato il suo volume. Rovesciatelo sul piano di lavoro e stendetelo con il mattarello ottenendo un rettangolo spesso circa 4 mm.

Spalmate tutta la superficie lasciando liberi un paio di centimetri dai bordi con la confettura.

Arrotolate quindi il rettangolo su se stesso seguendo il lato lungo e formate un cilindro. Facendo molta attenzione, tagliate questo cilindro a metà, sempre per il lungo. Arrotolate le due metà su loro stesse come ad ottenere due eliche, e infine intrecciate queste due eliche fra loro.

Cercate di chiudere le due estremità premendo i lembi fra loro (se volete potete unire i due estremi formando una corona) e fate lievitare di nuovo per circa 40 minuti.

Dopo la seconda lievitazione, siamo pronti per cuocere la brioche: infornate a 180 gradi per 35 minuti circa. Potete verificare la cottura della brioche con lo stecchino che, quando uscirà completamente asciutto, indicherà la completa cottura.

You Might Also Like

No Comments

Leave a Reply

Vai alla barra degli strumenti