Antipasti/ Aperitivo

Coccoli e stracchino, antipasto toscano per eccellenza

La tipica cena in una trattoria toscana come si deve non può che iniziare con i coccoli.

Insieme a salumi, formaggi, crostini e bruschette rappresentano l’essenza del vero antipasto toscano.

Sono delle golosissime palline di pasta fritta che si accompagnano solitamente a stracchino e prosciutto crudo. Una roba talmente buona che una ventina non basterebbero, ve l’assicuro.

Ma voi li conoscete i coccoli? Non mi dite che non li avete mai provati! Qualora aveste questa sventura, le soluzioni sono due: venire a Firenze a mangiarli, o prepararli da voi.

Sono semplicissimi! E ne vale enormemente la pena..

Io che non amo friggere (ma amo il fritto, che ve lo dico a fare), mi sono divertita molto a prepararli. E’ un impasto semplice e genuino, dalla rapida lievitazione e veloce anche nella cottura.

I coccoli sono quello sfizio semplice semplice che di tanto in tanto facciamo bene a regalarci.

Io li ho accompagnati con il Chinotto Lurisia, perfetto per le portate fritte!

coccoli

Ingredienti per due persone:

200 g di farina di tipo 1 (o 0 o integrale)

150 ml di acqua a temperatura ambiente

5 g di lievito di birra fresco

un cucchiaio d’olio extravergine

mezzo cucchiaino di zucchero

un pizzico di sale

Per accompagnare:

stracchino fresco, rucola

Per friggere:

un litro di olio di arachidi

 

Preparate l’impasto dei coccoli: sciogliete il lievito nell’acqua insieme allo zucchero e lasciate riposare per qualche minuto. Unite poi il composto alla farina in una ciotola, e cominciate ad impastare con una forchetta fino ad ottenere un impasto piuttosto morbido e appiccicoso. E’ normale che sia così.

Unite ora un pizzico di sale, l’olio ed impastate nuovamente, quindi riponete il tutto in un luogo tiepido coperto da pellicola.

Dopo 20 minuti, riprendete la ciotola e ripiegate l’impasto dei coccoli su se stesso più volte, dandogli un po’di elasticità.

Conclusa questa operazione, rimettetelo ancora al caldo ed attendete il raddoppio.

Una volta lievitato, procedete con la frittura dei coccoli. Mettete l’olio in un tegame dai bordi alti e fate scaldare bene. Prelevate con un cucchiaio un pezzettino di impasto e versatelo direttamente nell’olio. 

Vedrete che la pallina si gonfierà subito prendendo la caratteristica forma tonda ma con qualche irregolarità. Rigiratela spesso e, una volta ben dorata, scolatela su carta assorbente. Continuate così fino ad esaurire l’impasto.

Servite i coccoli caldi con del buon stracchino e se vi piace, l’immancabile prosciutto toscano.

You Might Also Like

No Comments

Leave a Reply

Vai alla barra degli strumenti