Piatti unici

Polpette di cavolfiore al limone ed erbe aromatiche

Io amo, adoro il cavolfiore e credo sia davvero il mio ortaggio invernale preferito. Buono e versatilissimo, il poveretto viene fin troppo bistrattato, ma io ho trovato tanti modi per renderlo piacevole e meno noioso del classico cavolfiore bollito. Le polpette di cavolfiore sono fra questi e vi assicuro che farebbero cambiare idea a tutti, anche ai più accaniti hater di questa favolosa verdura. Primi fra tutti i bambini: provate a proporgli le polpette di cavolfiore, sono certa che molti di loro le mangeranno più che volentieri.

Potete cuocere le polpette di cavolfiore in padella antiaderente, al forno oppure friggendole, saranno buonissime in ogni caso.

Scolate molto bene il cavolfiore una volta cotto, l’impasto delle polpette sarà più facile lavorare

Tenete sempre del pangrattato extra vicino a voi quando fate le polpette, l’umidità del composto può variare molto.

 

polpette di cavolfiore

Ingredienti:

un cavolfiore (circa 680 g di cimette pulite)

un uovo

3 cucchiai di pangrattato

3 cucchiai di Parmigiano

la scorza di mezzo limone

un cucchiaino di rosmarino tritato

un rametto di timo

una foglia grande di salvia

sale fino

pepe

Prelevate le cimette, sciacquatele e lessatele in acqua leggermente salata 10 minuti circa.

Scolatele bene, fatele raffreddare e mettetele nel mixer insieme all’uovo, quindi frullate il tutto. Trasferite il composto delle polpette di cavolfiore in una ciotola e unite pangrattato, Parmigiano, le erbe aromatiche tritate finemente, la scorza di limone e aggiustate anche di sale e pepe. Mescolate bene con una spatola e, se il composto vi dovesse sembrare ancora umido, aggiungete del pangrattato fino ad ottenere una consistenza lavorabile. Fate riposare il composto in frigorifero un’oretta, quindi riprendetelo e formate con le mani umide le polpette di cavolfiore. Rotolatele nel pangrattato e cuocetele in una padella antiaderente unta con poco olio 5 minuti per lato, oppure in forno a 200 gradi per 15 minuti.

You Might Also Like

No Comments

Leave a Reply

Vai alla barra degli strumenti