Lievitati

Pane alla zucca con olive, feta e timo

Il pane alla zucca proprio mi mancava!

Ammetto di aver ammirato moltissime volte nei blog delle amiche che seguo dei lievitati splendidi fatti con la zucca all’interno dell’impasto e, visto il mio rapporto spesso litigioso con i lievitati, ho sempre desistito dal provare. Finchè una mattina, senza alcuna programmazione, ho aperto il frigo, ho visto della feta da finire, delle olive, del timo e ho visto nella mia testa una pane alla zucca farcito con questi ingredienti.

Contro ogni previsione, e anche contro ogni mia aspettativa, quel che è venuto fuori è un pane alla zucca incredibile!

Una morbidezza nella consistenza che non riscontravo da tempo ed un sapore favoloso, che hanno fatto diventare questo pane una delle mie cose preferite!

Il pane alla zucca farcito con feta e olive è perfetto per un buffet, per accompagnare salumi e verdure o per essere farcito con un bel burger.

Ho usato il lievito madre disidratato che, se non vi piace, può essere sostituito con 10 g di lievito di birra fresco, oppure con la pasta madre, nelle dosi e con le modalità a cui siete abituati. Io non ci vado affatto d’accordo, quindi non so consigliarvi in merito 😀

NB:

Tenete dell’altro latte a portata di mano per avere la possibilità di aggiungere uno o due cucchiai durante la lavorazione dell’impasto, se questo dovesse apparire poco umido. Al contrario, attenzione ad un’eccessiva umidità: la zucca può rilasciare più o meno umidità e questo è un fattore che va valutato sul momento. Pertanto vi suggerisco di aggiungere i liquidi sempre gradualmente. La zucca che uso io per evitare questi inconvenienti è la DELICA, pastosa, soda e con pochissima acqua al suo interno.

Con queste dosi io ho realizzato 11 panini, di cui 7 utilizzati nella teglia per creare la forma a fiore che vedete in foto, e gli altri cotti come normali bocconcini di pane sulla placca del forno. Potete utilizzare questo impasto dandogli la forma che preferite, anche come un unico panbrioche da fare a fette è perfetto da servire.

Preparando un lievitato, ricordate che le tempistiche sono sempre soggette alla temperatura di casa e alla quantità di lievito, quindi non vi do dati precisi. Il mio impasto ci ha messo circa 3 ore per lievitare, ma voi regolatevi secondo la situazione che avete a casa in quel preciso momento.

pane alla zucca

Ingredienti:

300 g di farina di farro

200 g di farina di tipo 2

25 g di lievito madre essiccato 

280 g di polpa di zucca cruda e pulita (circa 250 g da cotta)

150 g di latte intero 

due cucchiai di olive taggiasche

80 g di feta

un cucchiaino raso di sale fino

tre rametti di timo fresco

due cucchiai di olio extravergine + altro per spennellare il pane

Cuocete a vapore la polpa della zucca 10 minuti e fatela raffreddare. Schiacciatela con una forchetta oppure frullatela nel mixer per ridurla in purea. Mettete le farine nella ciotola della planetaria con il sale ed il lievto e mescolate. 

Aggiungete poi la purea di zucca a temperatura ambiente o al massimo leggermente tiepida ed azionate la macchina con il gancio a foglia. Aggiungete il latte gradualmente e lavorate per almeno 10 minuti. Man mano l’impasto di incorderà diventando omogeneo e liscio. Se vedete che l’impasto appare un po’ duro, aggiungete qualche altro goccio di latte fino ad ottenere la giusta consistenza, ma sempre pochissimo per volta e senza esagerare. A questo punto unite anche i cucchiai d’olio, uno alla volta, quindi proseguite con le olive (sempre gradualmente, non tutte insieme), la feta a pezzettini e le foglioline di timo. Fate lavorare la macchina ancora per qualche minuto, fino a che le pareti della ciotola saranno pulite e l’impasto ben incordato.

Rovesciatelo sul piano di lavoro e lavoratelo a mano un paio di minuti, giusto per dare forza al glutine, e riponetelo poi in una ciotola ben coperta dalla pellicola in un luogo chiuso. Attendete che l’impasto del pane alla zucca raddoppi il suo volume. 

Trascorso il tempo della lievitazione rovesciate l’impasto sul piano di lavoro. Dividetelo in circa 10 -11 porzioni che devono avere grossomodo lo stesso peso, per avere panini omogenei fra loro.

Io ho pesato 11 porzioni di pasta da circa 100 g l’una, voi regolatevi con l’impasto che avete ottenuto.

Lavorate ogni porzione sul tavolo formando delle palline. Disponetele in una teglia  rivestita con carta forno lievemente distanziate fra loro e copritele. Dopo cira 45 minuti le palline saranno cresciute e saranno pronte per la cottura. Spennellatele leggermente con l’olio, spolveratele con qualche fogliolina di timo e cuocetele in forno ben caldo a 200° per circa 25 – 30 minuti.

Anche per i lievitati vale la prova dello stecchino per verificare la cottura.

You Might Also Like

No Comments

Leave a Reply

Vai alla barra degli strumenti