snack dolci

Vol-au-vent alla robiola di capra, ribes e menta

I vol-au-vent sono una cosa decisamente anni 80, e ci ricordiamo forse tutti che ripieni di maionese e gamberetti o di insalata russa, erano fra gli antipasti più gettonati del pranzo di Natale.

Legare qualcosa agli anni 80 non necessariamente significa sminuirla o associarla a bizzarri canoni estetici (a meno che non si tratti di acconciature, ma questo è un altro discorso), infatti i vol-au-vent possono rivelarsi, anche oggi che gli anni 80 ce li siamo lasciati alle spalle da un pezzo, un antipasto oppure un dolcino molto carino, di effetto e da fare in casa in quattro e quattr’otto.

Dolci o salati che siano, i vol-au-vent sono belli da vedere e vi potrebbero salvare nelle situazioni di emergenza come l’ospite che si presenta all’ultimo minuto. Bene o male tutti abbiamo in frigo un rotolo di pasta sfoglia, risorsa provvidenziale in cucina, con la quale si possono fare delle magie sfiziose e gradite a tutti, a partire dall’antipasto fino al dolce. Di vol-au-vent ripieni salati se ne possono inventare davvero una valanga, usando quello che troviamo in frigo o seguendo precise ispirazioni.

In questo caso io ho seguito l’ispirazione dolce di mia figlia, grande consumatrice di robiola, ed in particolare robiola di capra. E’ un formaggio che piace molto anche a me, un po’come tutti i formaggi di capra che apprezzo per il sapore deciso. E ancora di più li apprezzo “camuffati” da dolce! E’ un contrasto troppo interessante quello che si crea fra il formaggio saporito e pungente e gli elementi dolci, come avviene nelle migliori cheesecake (credo il mio dolce preferito in assoluto).

Ho deciso quindi di usare la robiola di capra che solitamente compro per Ginevra per creare un dessert sfizioso, carino e leggero, perfetto per concludere una cena senza appesantirsi ma senza nemmeno rinunciare al dolce che, diciamolo, ci sta sempre bene!

I vol-au-vent sono talmente facili da fare a casa che acquistarli già pronti da riempire è un vero peccato. Vi basta avere dei coppapasta (o dei bicchieri di varie misure), intagliare dei dischi, sovrapporli e lasciar fare la magia alla pasta sfoglia e alla sua naturale caratteristica di gonfiarsi in cottura creando quel bell’effetto sfogliato.

Vi prometto che prima o poi proverò anche a prepararla in casa da zero, procedura che mi affascina tanto quanto mi intimorisce.

Intanto accontentiamoci del rotolino del banco frigo, che ci da ugualmente grandi soddisfazioni.

vol-au-vent

Ingredienti per 6 persone:

un rotolo di pasta sfoglia

un paio di rametti di ribes freschi

due cucchiai di robiola di capra

due cucchiai di yogurt bianco intero

due cucchiaini di miele d’acacia

un cucchiaino di estratto di vaniglia

foglioline di menta fresca

un uovo sbattuto 

Svolgete il rotolo di pasta sfoglia e spolveratelo leggermente con della farina, in modo da lavorarlo più facilmente ed evitare che si appiccichi dappertutto.

Scegliete due coppapasta rotondi, uno più grande, del diametro che secondo voi dovranno avere i vostri vol-au-vent ed uno più piccolo per creare il buco nel mezzo agli strati superiori.

Intagliate circa 6 cerchi col coppapasta più grande e teneteli da parte (valutate voi quanti vol-au-vent preparare a seconda della grandezza che vorrete dare agli stessi e di quanta pasta sfoglia avete – ovviamente se volete farne tanti, aumentate anche le dosi della farcia). Intagliatene altri 12 uguali, ai quali farete un buco nel mezzo col coppapasta più piccolo. Otterrete quindi degli anelli. Prendete i dischi che avete preparato prima. bucherellateli con la forchetta e spennellateli con dell’uovo sbattuto; sovrapponetegli uno degli dischi col buco e spennellate di nuovo. Completate quindi col secondo disco “bucato”, spennellate ancora con l’uovo e guarnite con un pizzico di zucchero di canna.

Infornate i vol-au-vent per circa 15 minuti a 180 gradi. Quando saranno belli gonfi e dorati potete tirarli fuori dal forno. Nel frattempo, lavorate in una ciotola la robiola e lo yogurt. Aggiungete il miele e la vaniglia e create una crema liscia e omogenea.

A questo punto potete farcire i vostri vol-au-vent alla robiola: schiacciate con un cucchiaino la parte di sfoglia centrale che potrebbe essersi gonfiata in cottura, in modo da creare l’incavo per il ripieno.

Inserite la crema in una sac-à-poche e riempite ogni vol-au-vent fino all’orlo. guarnite con due o tre bacche di ribes ed una fogliolina di menta.

You Might Also Like

No Comments

Leave a Reply

Vai alla barra degli strumenti