Dolce/ Dolci lievitati/ Vegan

Brioches vegane alla crema al limone e uvetta

Le brioches vegane alla crema che vi presento oggi sono una vera meraviglia!

Belle da vedere, morbide e soffici come una nuvola e buonissime. E, cosa che non guasta affatto, proprio facili facili.

Si, perché lo sapete, le ricette semplici mi piacciono, sono comode e danno sempre tante soddisfazioni!

L’impasto delle brioches vegane alla crema è chiaramente senza burro né uova, pertanto può risultare leggero e digeribile, e ha davvero pochissimo zucchero. Quindi direi che dopo il tour de force dei giorni di festa, sono esattamente quello che ci vuole. Una bella coccola dolce ma senza sensi di colpa.

L’impasto lievitato che ho preparato per realizzare queste brioches vegane alla crema è un po’un jolly che uso molto spesso per dolci di questo tipo e che poi farcisco o caratterizzo ogni volta in modo diverso. La crema, invece, è quella che ho utilizzato ormai un secolo fa in questa crostata e che in questo caso ho preparato con il latte di soia, invece che di riso. Vanno benissimo entrambi o, se preferite, anche la bevanda di mandorle è perfetta per questo utilizzo.

brioches vegane alla crema

Ingredienti:

per le brioches:

300 g di farina di tipo 2

30 g di zucchero di canna bianco

150 g di latte di soia

40 g di olio di semi di girasole

la scorza di un limone grattugiata

4 g di lievito di birra fresco

per la crema:

30 g di fecola di patate

40 g di zucchero di canna bianco

250 g di latte di soia

un limone

inoltre:

70 g di uvetta

zucchero di canna

 

Preparate l’impasto delle brioches vegane alla crema. Nella ciotola della planetaria, o in una qualsiasi altra ciotola, mettete la bevanda di soia, lo zucchero e il lievito di birra. La bevanda deve essere a temperatura ambiente, non fredda di frigo, mi raccomando.

Mescolate finché lo zucchero e il lievito non si saranno sciolti.

Unite a questo punto tutta la farina, la scorza di limone grattugiata e amalgamate con il gancio a foglia (oppure a mano, verrà benissimo lo stesso) fino a che tutto il liquido sarà stato assorbito e l’impasto avrà preso forma. Unite a questo punto anche l’olio a filo. L’impasto sembrerà perdere compattezza, ma continuando a lavorarlo e aiutandosi con poca farina si incorderà perfettamente. Lavoratelo per altri cinque minuti e mettetelo a riposare in un luogo chiuso e tiepido. Io uso sempre il forno con la lucina accesa.

Mentre il nostro impasto lievita, dedichiamoci alla crema al limone.

Mettete il latte di soia in un pentolino insieme alle bucce del limone prelevate con il pelapatate (fate attenzione a non prendere anche la parte bianca, che è amara) e fatelo scaldare dolcemente per una decina di  minuti. 

In un altro tegame, possibilmente antiaderente, mescolate fecola e zucchero e versatevi poi il latte di soia riscaldato (ovviamente senza le bucce di limone che andranno eliminate). Mescolate continuamente con una frusta fino a che il composto si addenserà. Proseguite la cottura per altri cinque minuti, spegnete il fuoco e trasferite la crema al limone in una ciotola. Fatela raffreddare a temperatura ambiente.

Mettete l’uvetta in ammollo in poca acqua tiepida.

Trascorse circa 3 – 4 ore, l’impasto sarà raddoppiato. Rovesciatelo sul piano di lavoro e stendetelo delicatamente con le mani fino ad ottenere un rettangolo.

Spalmate la crema su tutta la superficie del rettangolo, distribuite anche l’uvetta ben strizzata e arrotolate l’impasto partendo dal lato più lungo formando un cilindro. Tagliate il cilindro in tanti dischi che saranno poi le nostre brioches vegane alla crema.

A questo punto potete procedere in diversi modi: potete mettere le singole brioches su una placca foderata da carta forno leggermente distanziate per ottenere un risultato come quello che vedete in foto. Oppure, prendete uno stampo a cerniera da 22-24 cm e riempitelo con le brioches. Lievitando aumenteranno di volume e otterrete una scenografica torta di brioches. Sono talmente buone che le ho rifatte due volte di fila, e la seconda volta ho scelto questa presentazione, ma con uno stampo per ciambella, e chi mi segue su Instagram lo sa :).

In ogni caso, lasciate lievitare nuovamente le vostre brioches per una quarantina di minuti. Spolveratele con un pochino di zucchero di canna sulla superficie, preriscaldate il forno ventilato a 180 gradi e cuocetele per 20 minuti circa. 

NB: se decidete di fare dei pezzi singoli come quelli che vedete in foto, anche 15 minuti di cottura sono sufficienti, altrimenti, se fate una torta di brioches, per una cottura uniforme e corretta anche al centro, ci vorrà un pochino di più. Valutate in base alle prestazioni del vostro forno.

You Might Also Like

2 Comments

  • Reply
    zia Consu
    30 dicembre 2017 at 17:12

    Sono davvero meravigliose e sicuramente golosissime 🙂 Complimenti Leti, passerei volentieri da te x la colazione di domattina 😛
    Ne approfitto x farti i miei migliori auguri di felice inizio 2018 a te e alla tua famiglia <3

  • Reply
    ricettevegolose
    18 gennaio 2018 at 13:17

    Che incanto queste brioches, come vorrei che si materializzassero ora qui davanti a me! Dovrò mettere le mani in pasta se voglio realizzare questo sogno 🙂 Bellissima ricetta!

  • Leave a Reply

    Vai alla barra degli strumenti